Qualche cenno sull'argomento:

Opere di sostegno provvisorie per l’ampliamento  della Casa di Cura Pederzoli a Castelnuovo del Garda (VR)

Committente: Dalla Gassa S.r.l.
Impresa esecutrice: Dalla Gassa S.r.l.
Periodo progettazione: gennaio 2012

L’ampliamento della Casa di Cura è inserito in uno spazio adiacente alla struttura esistente e circondato dagli altri tre lati da una strada e da un parcheggio. Lo scavo, in terreno limoso-sabbioso,è di altezza pari a 6 m al di sotto delle fondazioni della parte esistente e di 12,5 m nel suo punto più alto in corrispondenza del parcheggio. Per il sostegno dello scavo si sono scelte due tipologie di opere, una berlinese di micropali tirantata al di sotto dell’edificio esistente ed una struttura composta da micropali, chiodi e tiranti, denominata E.S.P.N. (Excavation Safety Pile Nailing), nei lati rimanenti.
La berlinese è costituita da micropali di lunghezza 12 m, disposti con passo 0,4 m ed armati con tubolare in acciaio; per contrastare le spinte sono stati posizionati 3 ordini di tiranti attivi, armati con barra autoperforante in acciaio SIRIVE di lunghezza 9÷12÷15 m, al fine di impedire deformazioni dell’opera di sostegno che potrebbero danneggiare la struttura esistente.
Per i tratti rimanenti si è invece scelta la tecnica dell’E.S.P.N. in quanto ben si adatta al tipo di terreno presente in sito ed è più economica di una tradizionale berlinese. Questa tecnica associa i micropali della berlinese, disposti con passo maggiore ed aventi funzione di guida per lo scavo verticale, alla classica chiodatura del terreno utilizzata per il soil-nailing, con i chiodi che hanno una funzione strutturale di contenimento delle spinte. Tale tipo di opera permette delle deformazioni che per il cantiere in oggetto risultano accettabili visto il tipo di carichi da sostenere. L’E.S.P.N. è costituito da micropali lunghi 14 m, con passo 1 m ed armatura tubolare in acciaio, da 9 ordini di chiodi passivi armati con barre autoperforanti SIRIVE ed aventi lunghezza 7,5÷12 m, e da 3 ordini di tiranti attivi armati con barra autoperforante SIRIVE di lunghezza 12÷15÷18 m per contenere le deformazioni viste le altezze di scavo. Tutto il fronte è ricoperto da spritz-beton armato con rete elettrosaldata per ripartire gli sforzi in testa ai chiodi ed impedire il distacco di materiale.
Importo complessivo delle opere di sostegno circa 650.000,00 €.